RECUPERO DEL LUPINO DEL GIGANTE    
   

L’associazione ha come scopo iniziale il recupero del lupino del Gigante, e il fissaggio di alcuni suoi aspetti caratteriali e morfologici.

Il Lupino del Gigante classico si distingue in due taglie (media e grande). Con la tipologia del pelo che può essere di tre tipi (corto, lungo, ondulato ricciuto). Le colorazione sono tutte ammesse.

L’impiego di questo cane va dalle più svariate attività fisiche sportive, a quelle lavorative su bestiame, utilizzo in protezione civile, o più  semplicemente in attività di svago come trekking a cavallo.

Inoltre vi è  l’idea di utilizzare il cane che è dotato di una notevole sensibilità, in attività di pet terapy .

   
     
   
               
   
     
   
         

 

   
   

     
   

L’associazione prevede anche di recuperare il lupino barbuto (a pelo lungo) o baffuto (se a pelo corto).

Tipologia antica di lupini del gigante che presenta delle pelurie  su canna nasale labbra e orecchie più o meno diffusi a seconda della lunghezza del pelo.

I loro mantelli di  tessitura forte e un po’ irsuta possono  essere anche più lunghi che nei soggetti a faccia rasa.

   
               
   

Un’altra tipologia di lupino del gigante che l’associazione tiene conto di salvare è la varietà  Lupino a testa Pesa. Essa è una varietà antica che veniva impiegata nel passato per la custodia degli armenti e delle mandrie.

Con ossatura molto grossa e muscolatura potente, possiede una testa con cranio più globoso che nei lupini del gigante classici.

Possiede un   muso corto e labbro un poco cadente,stop mediamente marcato. Nascono spesso nelle cucciolate, ancora diversi soggetti di questa tipologia e allora abbiamo deciso di recuperarlo.

   
     
   
               
   
     
   

Altro progetto di recupero  della associazione è quello  della varietà  Lupino del Gigante Volpino. Anticamente chiamato (Luvin vulpin).

Esso è un lupino di taglia ridotta con ossatura sottile  ma ben proporzionato, con muso molto sottile, canna nasale rivolta  verso l’alto e sutura metopica evidente. Ecco perché il nome dialettale aggiunto volpino (esteticamente assomigliante anche ad una volpe).

Di  carattere vivacissimo, cercheremo di inserirlo in un contesto sportivo come potrebbe essere l’agility o gare di  lavoro o  lavoro su bestiame.

Molti soggetti compaiono ancora nelle cucciolate e proprio per questo l’associazione ha deciso di recuperarlo (ancora abbastanza presente).